Incremento

Incremento delle nascite a Martina: nel 2019 in ostetricia 790 parti

Incremento delle nascite a Martina: nel 2019 in ostetricia 790 parti

Incremento delle nascite nel reparto di Ostetricia e Ginecologia del Presidio Ospedaliero Valle d’Itria di Martina Franca. Nel 2019, intatti, sono stati 790 i neonati – l’ultimo proprio la mattina del 31 dicembre – che hanno visto la luce nel reparto martinese diretto attualmente dal primario Raffaele Tinelli, facendo registrare un incrementeo significativo rispetto agli altri due punti nascita della Asl jonica (Tarano e Castellaneta). Lo staff del reparto, oltre al primario, vede la presenza dei dottori Martino Vinci, Bruno Pinto, Alberto Annese, Massimo Lorusso, e delle dottore sse Sabrina Caramia, Annarosa Pellegrino, Antonella Zurlo, Eugenia Giaculli e Antonella Turrisi. Coordinatrice dello staff composto da 27 ostetriche è la dott.ss Donata Bruni. Oltre a essere un segnale positivo per la comunità cittadina, la notizia è anche lo specchio della professionalità e dell’efficienza che il reparto ha saputo raggiungere negli ultimi anni, grazie anche a incontri che si sono svolti con le future mamme e i futuri papà. Le giornate di incontro con le future mamme e i futuri papà sono state seguite dalle ostetriche di reparto che in quelle ore non eranoin servizio, proprio per far sì che le altre continuassero a svolgere il proprio lavoro senza interruzioni, dividendo i partecipanti in piccoli gruppi, creando così un clima di familiarità e condivisione. Tra l’altro, lo scorso 4 luglio 2019 era stata una giornata particolarmente intensa per ostetricia, con 7 parti avvenuti nell’arco di 12 ore, facendo registrare un vero e proprio record per il territorio. Nei giorni scorsi, inoltre c’è stata la donazione di televisori e lampade da parte di associazioni operanti sul territorio ai reparti di ostetricia e di pediatria, strettamente connessi tra loro.  In attesa del primo nato del 2020, la notizia non può che essere di buon auspicio,

MG

(Visited 2.195 times, 1 visits today)

Autore dell'articolo: Matteo Gentile

Matteo Gentile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *