Coronavirus 26 giugno 2020

Coronavirus 26 giugno 2020 – Un caso in Puglia su 1.684 test

Coronavirus 26 giugno 2020 – Un caso in Puglia su 1.684 test, a Martina misure anti-movida notturna

Coronavirus 26 giugno – Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi venerdì 26 giugno 2020 in Puglia, sono stati registrati 1.684 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus ed è risultato positivo uno (1) caso residente in provincia di Lecce.

NON sono stati registrati decessi.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 171.968 test.

Sono 3835 i pazienti guariti.

153 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 4.531, così suddivisi:

1.491 nella provincia di Bari;

380 nella provincia di Bat;

659 nella provincia di Brindisi;

1.170 nella provincia di Foggia;

521 nella provincia di Lecce;

281 nella provincia di Taranto;

29 attribuiti a residenti fuori regione.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Il bollettino epidemiologico Regione Puglia 26-6-2020 è disponibile al link: http://rpu.gl/AHnFm

A Martina Franca chiusure anti-movida notturna dalle 2.00 alle 5.00 del mattino per i locali del centro storico dal 27 giugno al 30 agosto 2020

Il Sindaco, in data odierna, ha emanato una ordinanza sindacale (n. 28) relativa alla “Fissazione degli orari di chiusura degli esercizi di somministrazione di bevande e alimenti dal 27 giugno al 30 agosto 2020.

Con tale atto il rpimo cittadino ordina “Dal giorno 27 giugno 2020 e fino al 30 agosto 2020 la fissazione dell’orario di chiusura dalle ore 2.00 alle ore 5.00 degli esercizi commerciali, ivi compresi i distributori automatici h24 con o senza custodia, ricadenti nelle seguenti aree: ambo i lati di via Paisiello, Via Mercadante, via Rossini, piazza Mario Pagano, via Donizetti, via Pergolesi, via Bellini, Via Mascagni, via Aprile, via Santoro, Corso Italia comprese le vie e le piazze ricadenti all’interno di detto perimetro (Centro Storico)”.

L’inosservanza è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da 500 euro a 5.000 euro. Qualora la stessa violazione sia stata commessa per due volte in un anno, si applicano le disposizioni di cui all’articolo 12, comma 1, del decreto-legge 20 febbraio 2017, n. 14, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 aprile 2017, n. 48, anche se il responsabile ha proceduto al pagamento della sanzione in misura ridotta, ai sensi dell’articolo 16 della legge 24 novembre 1981, n. 689”.

A questo link l’ordinanza completa

(Visited 724 times, 1 visits today)

Autore dell'articolo: Matteo Gentile

Matteo Gentile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *